ATTENZIONE (Il tuo browser non supporta filmati Flash, scarica il player).
ATTENZIONE (Il tuo browser non supporta filmati Flash, scarica il player).


La data di oggi: 26/05/2020 22.10

in lavorazione

[Leggi Tutto]

0
Tabella risarcimento Danno Biologico - Micropermanente aggiornata al D.M. 17 luglio 2017

Tabella lesioni lieve entità (micropermanenti) anno 2017


[Leggi Tutto]
Giurisprudenza
mercoledì 11 novembre 2009

Giurisprudenza Diritto Famiglia

La riforma dell'affido condiviso tutela i figli delle coppie di fatto allo stesso modo di quelli legislativi.

Due principi espressi dalla S.C. di Cassazione. Da un lato è stato espresso il principio, che in caso di affidamento condiviso con collocazione prevalente del figlio presso uno dei due genitori l'obbligo di mantenimento va a carico del genitore non collocatario. Lo ha stabilito la Cassazione (prima sezione civile, sentenza 23411) occupandosi del ricorso di una coppia di fatto di Milano dalla quale era nata una figlia. La Suprema Corte, precisando che i figli dei genitori non coniugati devono ovviamente avere ''pari diritti'' rispetto a quelli delle coppie regolarmente sposate, ha sottolineato che il giudice puo' disporre ''ove necessario la corresponsione di un assegno periodico'' a carico del genitore che non tiene in casa il figlio nonostante l'affidamento condiviso ''al fine di realizzare il principio di proporzionalita''. Con la sentenza 23411 la Cassazione ha respinto, inoltre, il ricorso di un padre naturale che sosteneva di non dovere all'ex compagna alcun assegno per la figlia dal momento che, nonostante la bambina vivesse con la madre, questa era perfettamente in grado di mantenerlo da sola. In particolare la prima sezione civile del "Palazzaccio" ha spiegato che la legge sull'affido condiviso "esprimendo un'evidente scelta di assimilazione della posizione dei figli naturali a quelli nati nel matrimonio, quanto al loro affidamento, precisa che le disposizioni della presente legge si applicano anche ai procedimenti relativi ai genitori non coniugati". Alle coppie di fatto sono quindi applicabili le norme contenute nella riforma classe 2006

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
AvvocatoLisetti.it © 2009 • Privacy PolicyTermini d'uso